Isulacciu di Fiumorbu


Tunalità
0

Am G Am F/Em Am
Ùn eranu micca russi nè turchi, mancu prussiani
Am G C F/G C
Nè menu ghjente chì fussi ghjunti da i lochi luntani
F G Am F G C
Cù à la testa un terrore è a so barbara passione
F G Am F°/E7 Am
Ricalu di un dittatore chjamatu "Napulione"

Am Am

Am G Am
In l'annate di u settanta, funu presi l'arrestati
Am G C
Ch'i pastori tutti quanti devianu esse inchjustrati
F G Am F G C
Tuttu ghjera pruipitu di sinu à la muntagnera
F G Am B7 E7
Impregiunatu è culpitu quellu chi era fora a sera

Funu cunvucati in Corti, perchì s'eranu lagnati
I suldacci più forti, l'anu tutti fracellati
Di le murtale ferite surtia sangue à fiumare
E per copre i so striddi, ci era u sonu di e fanfare

Anu passatu trent'anni, d'inghjuglie è di privazione
Casticati da l'affani, di a turtura è di e spulsione
Li pigliavanu e so terre, pè a forza bè intesa
Peghju ch’un cunsigliu di guerra senza ricorsu o difesa

A forza di tripulazione, upprissione è fame à e porte
Nè fù presa a decisione perchi, era quessa o a morte
L'assaltu di a gendarmeria, pè l'armata hè 'stata amara
Di "Morand"a frenesia, pè i corsi, custata cara

Di centu sessanta sette chjusi in ghjesgia d'Isulacciu
Un ci nè pudia più mette quellu boia vigliacacciu
Nove l'anu fucilati, quill'altri funu imbarcati
E tutt'issi disgraziati ùn sò maì più vultati

L'avianu ghjunti in "Tulo", poi lampati accadastati
Addentru quelle prigio, famiti è nudi lasciati
Sò morti di maladia, di fame è di fretu i corci
Sorteci? nisùn pudia !trattati? peghju chè i porci !

Cumu puderanu fà ? À avè tante pritenzione
Sempre pronti à criticà i fatti d'altre nazione
Libertà, parità, sò parulle belle è forte
Cum'è pè a fraternità, si sò chjuse tutte e porte

"Isulacciu"a to storia, maì sia dimenticata
Presente in ogni memoria, In ogni core stampata
Chi à 'ssi morti assassinati, li sianu resi l'onori
Sò morti per esse stati, corsi,campagnoli è pastori

Ghjuvan Carlu CASTELLI

Scrive un cummentu

I Voci di a Gravona (2021)

Isulacciu di Fiumorbu 105